Il P.A.I., o piano assistenziale individualizzato, è il documento di sintesi che raccoglie e descrive in ottica multidisciplinare la valutazione di ciascun ospite, con lo scopo di dare l'avvio a un progetto di assistenza e cura che abbia come obiettivo la salute dell'ospite: è il risultato del coordinamento di tutte le figure che si occupano dell'anziano accolto nella Casa di Soggiorno.

La programmazione del PAI inizia con l'ingresso dell'ospite: il PAI viene compilato dall'equipe di lavoro subito dopo l'ingresso in struttura e successivamente con cadenza periodica, secondo le esigenze dell'assistito, ma almeno una volta all'anno.

Il PAI comprende:

  • la valutazione di aspetti clinico-sanitari riportata dai Medici di Medicina Generale (MMG);
  • la valutazione dell'assistenza effettuata dagli Infermieri (INF) con l'ausilio degli Operatori Socio Sanitari (OSS) che quotidianamente si prendono cura dell'ospite;
  • la valutazione delle esigenze di riabilitazione e riattivazione motoria messa a punto dalla fisioterapista (FKT);
  • la valutazione di aspetti più personali, di relazione e socializzazione, effettuata da Assistente Sociale (AS), Educatori (EDU) e Psicologo (PSI);
  • la valutazione di problematiche relative alla comunicazione o di problemi di disfagia a cura della logopedista (LOG);
  • una fase sintetica di integrazione e condivisione con i familiari.


Nel PAI sono individuati obiettivi misurabili e quantificabili inerenti la cura e l'assistenza dell'ospite, che vengono perseguiti dall'equipe multidisciplinare e sottoposti a verifica periodica: il PAI viene infatti applicato per un periodo di durata prestabilita, che tuttavia può subire delle variazioni nel caso si riscontrino sostanziali modifiche nello stato di salute dell'ospite.

Centri Servizi per l'Anziano "dr. Piergiorgio Sbardella" di Mel e "Madonna della Salute" di Trichiana

 

BV certification 9001

ACCREDIA

BV certification 18001

unkas